Tu sei qui

Primo Chakra

Il Primo Chakra è situato alla base della colonna vertebrale, nel plesso coccigeo, nella zona del perineo, sul pavimento pelvico. È diretto verso il basso, rappresenta le nostre radici, il contatto con la Terra, con la realtà materiale, è il tum-tum del tamburo, il rosso del sangue. L'energia della materia, del denaro, del cibo, delle cose solide e terrestri, della sessualità, delle radici che penetrano profondamente nella realtà e ne traggono nutrimento.
«Se non si sa da dove si viene, non si può sapere dove si va», è necessario avere conosciuto e onorato le proprie radici.

 

Il serpente che dorme
In Muladhara, giace «addormentata» l'energia primordiale, l'energia di Kundalini rappresentata come un serpente che dorme, arrotolato nelle sue spire, che dona l'occasione di avventurarsi nel viaggio della vita alla riconquista dell'unità. È la capacità di appropriarsi di ciò che è indispensabile per il proprio sostentamento, dal cibo allo spazio, alla posizione sociale, al proprio compagno o compagna. Energia di movimento, di conquista, di aggressività. È l'inizio del viaggio, la base del sistema, la pietra su cui poggiano gli altri Chakra.

Ghiandole Surrenali, sopravvivenza
Il Primo Chakra si relaziona con il livello di coscienza che ci consente la sopravvivenza nel mondo ed è associato in alcuni insegnamenti yogici anche alle surrenali, due piccole ghiandole adagiate a guisa di cappello sul polo superiore dei reni. Sono considerate le ghiandole dell'omeostasi per eccellenza; consentono agli animali superiori di sopravvivere, per quanto l'ambiente che li circonda si modifichi continuamente. Ciascuna ghiandola è costituita da due parti: la corteccia surrenale (esterna), che secerne ormoni a struttura steroidea, e la midolla surrenale (interna), che secerne catecolamine.

 

L'omeostasi salina, la reazione di attacco o fuga
La corteccia surrenale controlla principalmente l'omeostasi salina e il metabolismo organico e, tra gli steroidi che secerne, vi sono i glicocorticoidi e i mineralcorticoidi. I glicocorticoidi intervengono nel metabolismo dei carboidrati, in quello idrico e partecipano alle attività del sistema immunitario, i mineralcorticoidi regolano l'equilibrio tra acqua e sali minerali nell'organismo. Tra i glicocorticoidi troviamo il cortisolo che ha un ruolo assai importante nella risposta dell'organismo allo stress, inteso come una esposizione a stimoli nocivi o potenzialmente nocivi e promuove le reazioni dell'organismo all'emergenza.
Parecchie situazioni della vita quotidiana portano all'aumento della produzione e della liberazione del cortisolo come ad esempio comportamenti aggressivi, competizioni atletiche, situazioni nuove, l'attesa di intervento chirurgico, la discrepanza tra livello di aspirazione e realizzazione, viaggi aerei...
Tra i mineralcorticoidi troviamo l'aldosterone, che agisce sui reni e sugli ormoni androgeni che integrano l'azione delle ghiandole sessuali dell'apparato genitale. La midolla surrenale secerne le catecolamine, che favoriscono «la reazione di attacco o di fuga» alla quale fa seguito la liberazione di considerevoli quantità di cortisolo. L'adrenalina e la noradrenalina vengono secrete in situazioni di emergenza o di stress. Il surrene racchiude quindi una energia capace di conquistare, creare e conservare la vita.

Le gonadi, la donna, l'uomo, la riproduzione
Una volta soddisfatta la primaria esigenza della sopravvivenza individuale, c'è lo spazio per la riproduzione (sopravvivenza della specie) e la appartenenza (al nucleo familiare, al gruppo sociale, etnico o culturale).
Al Primo Chakra sono collegati prevalentemente gli organi genitali maschili e femminili, ma secondo alcuni insegnamenti le ovaie e l'utero sembrano essere più in corrispondenza con il Secondo Chakra. Il che spiegherebbe anche le significative differenze tra la sessualità maschile e quella femminile.
I testicoli hanno funzione spermatogenetica ed endocrina, producono gli spermatozoi e il testosterone che regola lo sviluppo delle caratteristiche maschili che compaiono nella pubertà, come la crescita della barba e l'abbassamento del tono della voce.
In queste ghiandole si manifesta la possibilità di dare al mondo una nuova vita attraverso la concentrazione, la conservazione e l'espressione del seme.

 

L'unione di Terra e Cielo
La memoria e l'energia ancestrale si addensano e si specificano in attesa di incontrare la terra (energia madre) e il cielo (energia creativa).
Qui tutto è già presente ma inespresso, regno delle infinite potenzialità, fulcro della riunione delle polarità, (le gonadi sono organi doppi) nella divina unicità della creazione della vita.

Patologie connesse col Primo Chakra
Le patologie di questa sensibilissima parte dell'organismo sono spesso legate alla difficoltà di riconoscere la propria identità sessuale biologica o a conflitti con le figure genitoriali. Lo sviluppo dei caratteri sessuali sarebbe impossibile senza le gonadi e inizia quando l'embrione ha circa 40 giorni.
Con l'avvicinarsi della pubertà si incrementa drasticamente la produzione di ormoni sessuali, è proprio qui che avviene una importante iniziazione, il passaggio dall'infanzia all'età adulta, l'inizio di un cammino che durante tutta la vita, attraverso prove continue, ci condurrà a comprendere sempre più profondamente la nostra essenza di uomini e donne.
Le patologie che riguardano il Primo Chakra possono indicare anche difficoltà di accettare e integrare la parte materiale dell'esistenza, intendendo con «materia» anche tutto ciò che simbolicamente è legato al mondo della madre, al nutrimento, alla protezione, alla maternità. Problemi alle gambe, alle articolazioni degli arti inferiori indicano rigidità di fronte alle situazioni, difficoltà di adattamento e di tenere i piedi per terra. Anche i problemi economici sono sintomi che riguardano il Primo Chakra, indicando il rifiuto della propria energia creativa.

 

I conflitti terreni
Ansia, stress, paura, angoscia, panico, insonnia, simboleggiano una relazione conflittuale con la vita, l'infiammazione del nervo sciatico può rivelare la negazione del contatto con la terra e la realtà, emorroidi e stitichezza possono rappresentare difficoltà nel lasciar andare il passato e i vecchi rancori.

Tratto da ''Il Grande Manuale del Reiki'' autore: Carmignani, Magnoni, Oggioni ed. L'Età dell'Acquario.

Theme by Danetsoft and Danang Probo Sayekti inspired by Maksimer